149 Views |  Like

Alfredo Pedullà

© Pina Longobardi | Sei Periodico

Esclusiva intervista telefonica con Alfredo Pedullà, Direttore Editoriale di DATA SPORT e opinionista di Sportitalia.

La morte in campo di Piermario Morosini ha scosso l’intero mondo dello sport italiano e internazionale, tragedie del genere sono imprevedibili. Ma cosa andrebbe fatto, secondo il suo parere, negli stadi per tutelare i calciatori?

Bisognerebbe non limitarsi a parlarne, è inaccettabile che allo stato attuale non si sia fatto ancora nulla per concretizzare le strategie di prevenzione. C’è da notare che dalla morte di Curi poco è stato fatto e gli stadi non sono regolamentati per affrontare le emergenze. Non è possibile che non esistano percorsi esclusivi e che ci si trovi avanti le ostruzioni che limitano i soccorsi. È inutile soffermarsi sulle polemiche, la realtà è che a bordo campo ancora non ci sono tutte le norme.

La Juve Stabia è indubbiamente una delle sorprese del campionato di serie Bwin, cosa l’ha colpita particolarmente della neopromossa stabiese e cosa invece le manca? 

Diciamo che la Juve Stabia è la sorpresa. Questa è una squadra che ha mostrato grande personalità, ha un ottimo allenatore che nella prima parte della stagione ha strategicamente messo sotto chiunque. Dopo una momentanea impasse dovuta al calcio mercato, adesso sta ritornando ai livelli iniziali. Sul campo c’è una squadra che unisce entusiasmo, passione e tecnica che sta oltrepassando le aspettative: la Juve Stabia è la vera sorpresa tra le sorprese di questo campionato.

Come lei ha ribadito più volte, penalità come quella inflitta ai gialloblù per avvenimenti di anni fa, rischiano di compromettere, e in alcuni casi decidere, un’intera stagione. Qual è il problema della giustizia sportiva italiana?

La giustizia sportiva italiana è lenta, il caso Juve Stabia è emblematico ma non il primo della serie. Le situazioni precarie della federazione non aiutano, andrebbero rivisti i regolamenti. Non è accettabile che non ci siano termini di prescrizione e che, dopo anni, ci si trovi calciatori squalificati ma che ormai indossano maglie diverse e non è giusto che una squadra paghi per errori commessi da un altro team sportivo che la precedeva.

Non possiamo non farle una domanda di mercato; Marco Sau è una delle grandi rivelazioni del torneo cadetto, il suo destino sembra indubbiamente la massima serie, sa dirci qualcosa di più?

All’80% dovrebbe esserci il ritorno al Cagliari, potremmo assistere ad un tridente eccezionale insieme a Pinilla e Cossu. Sarebbe giusto rivederlo nella sua squadra, Sau dovrebbe passare al Cagliari prima di spiccare il volo in serie A. È stata una grande mossa di calcio mercato quella della Juve Stabia che ha strappato Sau al Bari.

Rimanendo in serie Bwin, qual’è il top e qual’è il flop della competizione per la nostra squadra? 

Nessun top e nessun flop, la Juve Stabia gioca a briglie sciolte senza problemi. Tra i giocatori c’è un vero guerriero che è Zito. La squadra s’impone nel panorama calcistico di serie Bwin con grande entusiasmo, non vedo aspetti negativi o positivi. Il punto è chiudere bene ottenendo il massimo da questo campionato e ripartire con grande energia per il prossimo. Braglia sta facendo un ottimo lavoro, sa dove puntare e la sua è una squadra che non teme gli avversari, ritengo sia capacissima di mettere sotto chiunque. Per il prossimo campionato sicuramente l’allenatore deciderà i correttivi giusti per migliorare le cose.

Nel salutarla le poniamo un ultimo quesito facendo un salto nel campionato di massima serie. Juventus o Milan per la conquista finale del tricolore?

Gli appassionati di calcio ricorderanno che il 31 agosto scorso il mio pronostico era Milan, ma il campionato è lungo e adesso vedo una Juventus che è decisamente cresciuta. Ha grinta, ha voglia e ha saputo darsi un’impronta eccezionale al di fuori di ogni possibile immaginazione, nessuno si aspettava una squadra grande così. Credo che questo renda i pronostici difficili fino alla fine, conta quanto le due squadre sappiano reggere l’equilibrio nervoso. Se la Juventus continua così ci sarà gioco duro e, al di là di tutto, la Juve ha vinto già, visto i risultati raggiunti fino ad oggi.

Ebbene Direttore, la nostra intervista si conclude qui. Tutti i tifosi stabiesi si aspettano una sua venuta a Castellammare di Stabia, la Redazione stessa sarebbe onorata di poterla salutare e ospitare. Quindi che dire? Non ci faccia attendere molto!

Please follow and like us: