117 Views |  Like

Elena Russo

© Pina Longobardi | Sei Periodico                                                                             Lei, ti chiama continuamente “tesoro”, risponde al telefono e si prepara il caffé, poi apre la porta ad un’amica e ritorna a parlare con te. Elena Russo, attrice napoletana, “verace”, bella, sensuale ma anche una donna profonda e riflessiva, si è lasciata intervistare tra una prova e l’altra del suo ultimo lavoro teatrale “Il topo nel cortile” di Daniele Falleri, dal 2 al 14 ottobre al Teatro Cometa Off di Roma.

Elena dall’interpretazione in FINALMENTE SOLI ad   oggi ti abbiamo vista recitare ruoli ironici, drammatici, seducenti. In che ruolo ti senti più a tuo agio?
Tutti! Un attore può e deve saper interpretare tutto, non porsi limiti. Il vero attore è quello che diventa una sola cosa con il suo ruolo, ne carpisce le sfumature, lo personalizza con i toni e la gestualità. L’attore supera il problema dell’interpretazione quando diventa il suo personaggio e lo esprime con passione.
Cinema, tv, cortometraggi insomma la cinepresa non ti spaventa. E il teatro?
Due mondi diametralmente opposti, avanti alla cinepresa hai le pause, i tempi, il cestino che condividi col collega e poi si ricomincia. A teatro no! Quando calchi la scena non hai altra scelta che quella di calarti nell’interpretazione, lavorare di memoria e non lasciarti prendere dal panico, un silenzio di troppo non te lo puoi proprio permettere, è risaputo il vero attore è quello che sa stare sul palcoscenico.
Vivi a Roma per lavoro, ritorni spesso a Napoli? Ti manca?
Mi manca da morire, il calore dei napoletani non l’ho ancora ritrovato da nessun altra parte. Chiedi ad un napoletano un indirizzo e puoi ritrovarti a prenderci il caffè perché ti deve spiegare bene. La disponibilità dei napoletani fuori viene spesso fraintesa come invadenza.
Ci dici un attore con il quale ti piacerebbe essere co-protagonista in un film sensuale e passionale?
Luca Argentero, un attore capace che si è fatto strada con determinazione. L’eccezione uscita da un reality show.

Se ti chiamasse Hollywood per un ruolo in una soap interminabili accetteresti?                                                                                                                 Oggi assolutamente no, sono un’attrice che deve ancora esprimere tutto il suo potenziale. Hollywood è sicuramente una grande opportunità per un attore ma chiudersi in un ruolo è sempre una prigione, anche in America.

L’intimo giusto per sedurre il tuo uomo?
Amo l’intimo in generale soprattutto per me, la prima cosa è stare bene in quello che indossi. Per sedurre un uomo va bene tutto, ciò che conta è la personalità che indossi sotto.
Quanto conta il sesso in amore?
L’amore nobilita il sesso. Se fai sesso con amore ti rimane un segno sull’anima, è tutta un’altra cosa.
Ci parli del tuo ultimo lavoro?
Adesso sono impegnata nelle prove dello spettacolo “Il topo nel cortile” che si terrà a Roma al Teatro Cometa Off dal 2 al 14 ottobre per la regia di Daniele Falleri. Interpreto Gianna mamma di Samantha che è rimasta muta dopo un incidente avuto in tenera età. Gianna scopre che la ragazza sedicenne è incinta di cinque mesi. Gianna è determinata a far si che il fidanzatino della ragazza si assuma le sue responsabilità ed è disposta per questo a contrastarsi anche col marito e il figlio maggiore. L’escalation della commedia passa dai toni leggeri a quelli drammatici quando Gianna scopre la vera identità del padre del bambino che aspetta sua figlia.
Un progetto importante da realizzare?
Il progetto di ogni donna: diventare mamma.
Manderesti un saluto al collega che ti ha contattata e …posso dargli il tuo numero?                                                                                    Certamente! Sono sempre disponibile per offrire un caffé agli amici di SEI PERIODICO, venite quando volete, vi aspetto. Se poi “torno” a Napoli non mancherò di ricambiare la visita.

Please follow and like us: