Brand identity: struttura e componenti.

Pittogramma, Logo o Logotipo, Pay-Off e Claim.
Cosa indicano queste “misteriose” parole?

Alla scoperta del logo o Logotipo.

Il logo (abbreviazione per logotipo) è la parte leggibile e quindi pronunciabile del marchio scritto con un particolare carattere tipografico, colore, spaziatura, kerning, proporzioni

 

In alcuni casi il marchio è rappresentato unicamente dal logotipo e quindi essere rappresentato da un letterig che riproduce un espressione fonetica (naming), in altri casi è accompagnato anche dal pittogramma.

Esempio di naming: Nutella

 

Il Pittogramma

Il Pittogramma di un marchio, molto spesso confuso con il logo è la parte puramente simbolica distintiva di un marchio, l’emblema non leggibile e non pronunciabile che rimanda all’impresa. L’essenzialità del pittogramma permette a questo di essere riprodotto in differenti dimensioni senza perderne la leggibilità, inoltre ne facilita la memorizzazione da parte del potenziale cliente.

Esempio di Pittogramma vincente: Apple (Chi non conosce la mela morsicata della Apple?)

Tentazione e perfezione assieme in un naming semplice, memorizzabile ed efficace.

 

Cosa si intende per pay-off o baseline.

Attenzione, il pay-off non è uno slogan! Il Payoff è l’elaborazione verbale che “riassume in breve un messaggio importante” per l’azienda inducendo l’utente fruitore a scegliere il marchio stesso.

Esempio di pay-off: “Think different” payoff di Apple. Una breve frase che contiene tutta la forza del brand.

 

Il claim:

Se il logo e il payoff marchiano a vita il brand, il claim varia da campagna a campagna. Chiamato anche headline o slogan, è uno slogan persuasivo, abbinato a un’immagine e/o a un video accattivante, utilizzata per sottolineare la peculiarità di un prodotto o di un servizio. Ideare un claim d’effetto, in grado di conquistare l’attenzione delle persone e in grado di diventare un vero e proprio modo di dire d’uso comune, significa diminuire ancora di più le distanze tra produttore e consumatore. Vuol dire essere in grado di immedesimarsi nel cliente, parlare la sua stessa lingua, conoscere i suoi desideri.

 

Esempio di un Claim: Amaro Lucano… Cosa vuoi più dalla vita?

 

Combinando tra loro tutti questi elementi come fossero dei “mattoncini del lego”, si è in grado di dare vita alla rappresentazione grafica di un marchio (IL BRAND).

ULTIMI POST

BRANDING

ABITARE

La creatività ridefinita

L’innovazione richiede creatività,
e la creatività richiede
che si pensi… in modo diverso.

Iscriviti alle nostre newsletter

Please follow and like us:
Letto: 270

Condividi:

Mi piace:

Mi piace Caricamento...
Scroll Up
Instagram
Facebook
Facebook
LinkedIn
YouTube
YouTube
Twitter
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: